Domande sulla Cerimonia Religiosa

Lo Staff di Sposipersempre.it risponde alle vostre domande sulla cerimonia religiosa.

Domande sulla Cerimonia Religiosa

Testimone atea
D. Vorrei farvi una domanda alla quale non ho trovato risposta….come testimone di nozze in una celebrazione in chiesa, ci sono problemi per la validità del matrimonio, se sono atea? Grazie in anticipo e buone feste Manu

R. Cara Manu, l’unico matrimonio ‘valido’ per la legge italiana è quello civile, in quanto produttivo degli effetti civili, quindi le tua scelta religiosa non ne compromette la validità. Per la chiesa cattolica è necessario aver conseguito tutti i sacramenti (battesimo, comunione e cresima), se li hai ricevuti dal punto di vista formale possono non esserci problemi per il parroco che celebrerà il matrimonio.
Ma il vero problema è di carattere etico. Ti chiedo: è importante per te avere un ruolo in questo evento pur in contrasto con le tue posizioni religiose?

Sposarsi durante la Quaresima
D. Gentili Signori,vorrei porVi una domanda. Qualcuno mi ha detto che non ci si può sposare durante la Quaresima. Vi risulta vero? O comunque vi sono periodi dell’anno in cui dal punto di vista religioso non ci si può sposare?
Grazie per la Vostra attenzione! Marco.

R. Caro Marco, la cerimonia nuziale è consentita nell’arco dell’intero anno, anche se la Chiesa consiglia di non sposarsi nei periodi di Penitenza, e cioè durante la Quaresima e nel periodo di Avvento precedente il Natale. Ciò rimane, per l’appunto, solo un consiglio derivante dalle caratteristiche particolari di questi tempi liturgici. A te la scelta.

Genitori divorziati
D. I genitori dello sposo, alla data del matrimonio, saranno separati da poco più di un anno e i rapporti tra di loro sono conflittuali. Lo sposo desidererebbe che almeno alla cerimonia (religiosa) il padre partecipasse.
Come ci si può comportare in questo caso per non urtare i sentimenti di nessuno?? Grazie

R. E’ giusto che vengano rispettati i sentimenti dello sposo. Se per lo sposo è importante la presenza del padre alla cerimonia è bene che nessuno si opponga e che anzi, almeno per quel giorno, mantenga un atteggiamento consensuale e lasci indietro i rancori permettendo di trascorrere serenamente quei momenti di festa. Chiedere anche un aiuto al sacerdote non è sbagliato, affinché cerchi di coinvolgere nel giusto modo i genitori separati. Almeno per qualche ora.


Condividi questa pagina