DOVE TI SPOSI ?
Cerca i servizi nella tua regione.


Musica
Cerca i Musicisti per matrimonio nella tua regione.


Approfondimenti
La S.I.A.E.
Generi consigliati
Classica
Jazz
Folk
Pop & Leggera
Karaoke
La musica in Chiesa
Cerimonia Civile
Il giusto Volume
Le basi registrate
Cerimonia Religiosa: scelta degli strumenti
Ricevimento: scelta degli strumenti
La Serenata
Logistica musicisti 1
Logistica musicisti 2
I momenti speciali
Fai una domanda
RUBRICHE
Guida
Documenti
Chiesa
Forum
Soldi
Domande
Eventi
Medicina&Salute
Offerte e promozioni
Meteo Sposi
SposiPerSempre
 
Musica per il Matrimonio

Musica per il ricevimento
RICEVIMENTO: SCELTA DEGLI STRUMENTI
- a cura di Daniel Cau
--- Seguito dell'articolo “Cerimonia religiosa: scelta degli strumenti”, stavolta in riferimento alla musica jazz e leggera ---

Nell’articolo “Cerimonia religiosa: scelta degli strumenti” introducemmo l’argomento della combinazione “logica e funzionale” degli strumenti in ambito classico.

Anche se i concetti base non cambiano, le musiche generalmente scelte per il ricevimento portano a considerazioni leggermente diverse.

Anche in questo caso possiamo semplificare, raggruppando le risorse strumentali in alcune categorie, in base al ruolo principale che rivestono:

  • tematico
  • concertante
  • armonico
  • basso
  • ritmico

A cambiare sono le ragioni che possono determinare la priorità di scelta, soprattutto quando budget o logistica impongono un limite al numero di musicisti. Di seguito i più evidenti vantaggi offerti da ciascuna categoria, precisando che l’argomento è ovviamente assai più complesso, e nessuno strumento musicale può essere considerato superfluo.



Ruolo tematico
La voce umana (maschile o femminile) è la prima da citare. Conferisce alla performance maggiore “presenza” perché, a parità di decibel, con gli stessi altri strumenti e con il medesimo genere musicale, l’esecuzione risulta più “evidente” al pubblico. Chi cerca la massima discrezione forse preferirà un ensemble strumentale, mentre è caldamente sconsigliato rinunciare al cantante per la musica leggera, sia d’ascolto che da ballo.
In contesto jazz invece non è insolito che il ruolo tematico sia rivestito da uno strumento. Può spesso trattarsi di un fiato (sassofono, tromba, ecc.) o dello stesso strumento armonico (chitarra, pianoforte, arpa, fisarmonica, ecc.), ma non mancano situazioni meno consuete e altrettanto valide (il violino, solo per fare un esempio).

Ruolo concertante
Il concetto è probabilmente un po’ troppo articolato per essere esaurientemente approfondito in questo articolo. Potremmo semplificare dicendo che la compresenza di due solisti (ad esempio una voce e un sassofono) suggerisce una costante interazione melodica, dove la parte in primo piano ne risulta piacevolmente arricchita.

Ruolo armonico
È sempre indispensabile la presenza di almeno uno strumento polifonico che si occupi dell’armonia, soprattutto nel caso di piccoli ensemble. Le scelte più comuni sono la chitarra e il pianoforte, ma non sono da dimenticare organi e synth, fisarmonica, arpa, ecc. Il ruolo armonico è imprescindibile per quasi qualunque performance adatta ad un ricevimento nuziale. Diversamente si sarà costretti al compromesso tecnico delle “basi pre-registrate

Ruolo basso
Pensando al jazz e alla musica leggera, gli strumenti più comuni sono il contrabbasso e il basso elettrico. L’armonia non è più ad esclusiva responsabilità di chitarra o pianoforte, risultando più profonda, completa e coinvolgente. Il basso svolge anche una fondamentale funzione ritmica.

Ruolo ritmico
Parliamo soprattutto della batteria, il più comune set di percussioni nel jazz e nella musica leggera. Preziosa per il repertorio d’ascolto, diventa indispensabile per le serate danzanti. Ancora una volta, l’unica alternativa è rappresentata dalle basi pre-registrate.

Le combinazioni
Come già si è visto per la musica classica, le possibili combinazioni strumentali sono tantissime. Tuttavia, la letteratura musicale composta nell’ultimo secolo detta alcune convenzioni. Per fare qualche esempio, e presupponendo di desiderare un’esecuzione completamente live (senza basi):

  • è sempre indispensabile almeno uno strumento polifonico (es. chitarra, pianoforte, shynth, ecc.)
  • è consigliabile almeno una voce, con eccezione per alcuni generi per i quali non sempre è obbligatoria (es. jazz, blues, chillout, ecc.)
  • salvo impedimenti economici o logistici, sarebbe sempre opportuno godere di una sezione ritmica completa, ad esempio con contrabbasso e batteria

A questo schema essenziale è possibile aggiungere moltissimi altri musicisti (ad esempio una sezione fiati, una seconda chitarra, ecc.), ciascuno dei quali arricchirà la band a vantaggio della musica e del vostro divertimento.

A presto!
Per contatti:
danielcau.com


Condividi su Facebook


 

 

 
WEDDING PLANNER ONLINE
Organizza il matrimonio in modo perfetto >>
FORUM
Entra e scambia le tue opinioni con gli altri sposi >>
EVENTI E FIERE
Tutte le fiere per il matrimonio >>
INSERISCI LA TUA AZIENDA
Inserisci la tua azienda, scopri i vantaggi >>
RISPONDE L'ESPERTO
Consigli per i documenti ? Il galateo ? Contattaci >>

 
 
EVENTI E FIERE IN PRIMO PIANO

Per gli Organizzatori di Eventi - Segnala una Fiera >>

Per gli Espositori - Servizio Eventi e Fiere >>

 

SposiPerSempre.it - English Version
designed by
OriosCommunication

P.I. 08420961008