DOVE TI SPOSI ?
Cerca i servizi nella tua regione.


Musica
Cerca i Musicisti per matrimonio nella tua regione.


Approfondimenti
La S.I.A.E.
Generi consigliati
Classica
Jazz
Folk
Pop & Leggera
Karaoke
La musica in Chiesa
Cerimonia Civile
Il giusto Volume
Le basi registrate
Cerimonia Religiosa: scelta degli strumenti
Ricevimento: scelta degli strumenti
La Serenata
Logistica musicisti 1
Logistica musicisti 2
I momenti speciali
Fai una domanda
RUBRICHE
Guida
Documenti
Chiesa
Forum
Soldi
Domande
Eventi
Medicina&Salute
Offerte e promozioni
Meteo Sposi
SposiPerSempre
 
Popular Music - Musica Leggera
Musica per il Matrimonio: Generi musicali -> IL KARAOKE

GENERI MUSICALI PER IL MATRIMONIO: IL KARAOKE
a cura di Daniel Cau

Il karaoke (neologismo derivante dall’unione delle parole giapponesi “orchestra” e “vuota”) è un tipo di intrattenimento da inserirsi nella categorie dell’animazione con il diretto coinvolgimento del pubblico.

Da non confondersi con lo spettacolo di musica dal vivo, può essere proposto da un musicista ma anche da un più semplice animatore.

Con l’ausilio di macchine dedicate o computer portatile, viene data ai presenti la possibilità di cantare accompagnati da una “base pre-registrata”, guidati dal testo “scorrevole” sullo schermo.

La performance può essere vissuta in modi diversi. Il provetto cantante aspetterà il momento con molta serietà, felice di poter sfoggiare tutte le sue doti. Al contrario, sarà occasione di comune divertimento quando il microfono finirà nelle mani dello stonato dichiarato.

Alternando autoironia a performance memorabili, il karaoke costituisce un momento in cui ciascuno può salire sul palco e diventarne protagonista.

Gli sposi che organizzano il ricevimento dovrebbero considerare alcuni aspetti.

Un intrattenimento “leggero”
Anzitutto, il karaoke è oggettivamente un tipo di intrattenimento “leggero”. Chi desiderasse un ricevimento sobrio ed elegante, forse dovrebbe rimandare le cantate estemporanee a un’altra serata, magari quelle di addio al celibato e nubilato.

Talvolta gli sposi si lasciano condizionare da desideri e abitudini dei loro ospiti. Il mio consiglio è sempre di non sacrificare la personalità della vostra festa solo per accontentare tutti: se amate il karaoke, ma non durante il vostro matrimonio… optate per altre forme di intrattenimento.

I grandi protagonisti
Il karaoke può essere un vaso di Pandora difficile da richiudere, soprattutto in presenza di qualche “grande protagonista”. Se tra i vostri ospiti c’è chi potrebbe monopolizzare il microfono, sarebbe saggio informare preventivamente l’operatore che scritturate. Soprattutto dovrete essere voi a decidere quanto spazio lasciare al vostro bravo cantante. Mettete l’operatore nella condizione di rispettare il vostro volere, lasciando sfogare senza limiti l’adorato zio, oppure ponendo un diplomatico freno all’amica egocentrica.

Un cantante… tanti ascoltatori
Le canzoni da solista stancano molto velocemente coloro che non stanno cantando. L’intrattenimento che offrite ai vostri ospiti dovrebbe essere fruibile da tutti contemporaneamente, salvo momenti di breve durata. La maggior parte di loro non saranno interessati a esibirsi, e resteranno divertiti dalla prima canzone cacofonica, ammirati dalle doti amatoriali del secondo brano, e infine mortalmente annoiati dopo la terza canzone.

Karaoke di gruppo
Per le due considerazioni di cui sopra, sono da preferire le cantate corali. Evitando i gruppi di venti persone dietro ad un microfono (soprattutto per ovvie ragioni logistiche), risultano più divertenti le canzoni proposte da tre o quattro amici. L’autoironia è assicurata, così come un maggior interesse da parte del restante pubblico.

Canzoni allegre e conosciute
Soprattutto i provetti cantanti tendono a scegliere brani languidi e talvolta persino tristi, dimenticando di essere ospiti ad una festa gioiosa. Sarebbe sempre meglio optare per canzoni vivaci, ritmate e possibilmente conosciute dai più. Questo favorirà la partecipazione della maggior parte dei presenti, che potranno contemporaneamente ballare o cantare in coro.

Gli sposi
Quanto scritto sopra non vale mai per gli sposi. A loro tutto è concesso il giorno delle nozze. L’attenzione del pubblico salirà alle stelle in ogni caso, che si dedichino vicendevolmente la più romantica delle ballate o che cantino a squarciagola coi rispettivi amici del cuore.

Un intrattenimento “rilassante”
Anche e soprattutto perché non coinvolge allo stesso modo tutti i presenti, il karaoke dovrebbe sempre essere riservato alla fase finale della festa. Se avete previsto un momento danzante, interromperlo con le performance amatoriali può essere molto pericoloso. La giornata nuziale è stancante per tutti, e dopo il banchetto (quando in genere si programma il ballo e/o il karaoke) gli intrattenitori devono invogliare gli ospiti a divertirsi con le ultime energie. Quando queste cominciano ad esaurirsi col ballo, il karaoke rappresenta un ottimo modo per concludere la festa, magari coi pochi amici intimi ancora rimasti.

Tutti questi spunti di riflessione sono ovviamente generici e suggeriti da molte diverse esperienze. Ogni ricevimento nuziale è unico quanto lo è il pubblico presente. Sono comunque argomenti che suggerisco di trattare con l’operatore che gestirà il vostro karaoke, affinché possiate concordare eventuali parametri atti a creare la vostra festa perfetta.

A presto!
Per contatti:
danielcau.com


Condividi su Facebook



 
WEDDING PLANNER ONLINE
Organizza il matrimonio in modo perfetto >>
FORUM
Entra e scambia le tue opinioni con gli altri sposi >>
EVENTI E FIERE
Tutte le fiere per il matrimonio >>
INSERISCI LA TUA AZIENDA
Inserisci la tua azienda, scopri i vantaggi >>
RISPONDE L'ESPERTO
Consigli per i documenti ? Il galateo ? Contattaci >>

 
 
EVENTI E FIERE IN PRIMO PIANO

Per gli Organizzatori di Eventi - Segnala una Fiera >>

Per gli Espositori - Servizio Eventi e Fiere >>

 

SposiPerSempre.it - English Version
designed by
OriosCommunication

P.I. 08420961008